Quaderni di PsicoArt – Vol. 6 2015 – Inquietudine delle intelligenze. Contributi e riflessioni sull’Arte Irregolare

Quaderni di PsicoArt – Inquietudine delle intelligenze. Contributi e riflessioni sull’Arte Irregolare
(ISBN – 978-88-905224-5-1
ISSN 2421-079X)

a cura di Bianca Tosatti e Stefano Ferrari


Bianca Tosatti
Mettere le cose in chiaro: progetto per un libro

Stefano Ferrari
Alcune riflessioni su Outsider Art e psicologia dell’arte

Marzio Dall’Acqua
“Da non essere mai solo neanche quando non ho nessuno”. Il collezionismo compulsivo di Ettore Guatelli nel “bosco delle cose” di Ozzano Taro

Anna Ferruta
Apple Monster

Vanda Franceschetti
La collezione de “La Fabuloserie”: la scelta privata

Gianluigi Mangiapane, Anna Maria Pecci, Rosa Boano, Emma Rabino Massa
Un patrimonio culturale e un percorso di valorizzazione

Alessandra Mantovani
L’arte naïf della collezione Charlotte Zander: è ancora auspicabile che una raccolta di arte irregolare comprenda questo genere di opere? E queste opere sono poi davvero “un genere”?

Roberto Mastroianni
Figure dell’umano tra desiderio, marginalità e istituzioni. Note a margine di una pratica della critica d’arte intesa come critica filosofica

Annalisa Pellino e Beatrice Zanelli
Schedare, studiare e curare l’Arte Irregolare. Un’esperienza sul campo

Lina Pispico e Gabriele Mina
Scelto per fare tutto questo. Storia di un santuario babelico

Daniela Rosi
Outsider in Occidente, Insider in Oriente Il caso Caterina Marinelli

Tea Taramino
I luoghi del possibile. Dal Laboratorio La Galleria a InGenio Arte Contemporanea

Wolfram Voigtländer
Il sogno di volare di Gustav Mesmer


Questo sesto volume dei Quaderni di PsicoArt, promosso dalla IAAP – International Association for Art and Psychology, è dedicato a un ambito di ricerca complesso e variegato come quello dell’Arte Irregolare o Outsider Art. Attraverso significativi interventi di studiosi, critici e operatori del settore, il volume si propone come momento di ulteriore aggiornamento e riflessione su un tema tanto suggestivo quanto problematico, che contribuisce ad arricchire in modo sostanziale il dialogo tra arte e psicologia.

 

Share
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *